Nel Segno del Destino

Il romanzo ricostruisce la condizione rurale dell’Ogliastra e di parti della Sardegna degli anni cinquanta e sessanta (1950- 1960) del secolo scorso. Racconta la crisi progressiva del sistema agropastorale e la sua dimensione arcaica sotto il profilo economico e in tanti dei suoi risvolti sociali, culturali e umani.
 
Con il contesto generale si intrecciano la vicenda di crescita e maturazione di un ragazzo, che diventa testimone protagonista principale di eventi famigliari di povertà, marginalizzazione sociale, e la sofferta acquisizione di consapevolezza individuale e collettiva.
 
L’angoscia famigliare è complicata e, di fatto resa irrisolvibile, dal drammatico alcolismo del pater familias e dalla violenza che scatena dentro la casa. Questa violenza scardina ogni logica di sopportazione e sacrificio del giovane protagonista, e voce narrante dei fatti, fino a determinarne la fisica esclusione con l’emigrazione e l’abbandono dei luoghi.
 
Il profilo della narrazione è scandito dalla successione incalzante degli accadimenti allo interno di uno spazio di soffocante esasperazione che accentua il carattere realistico della rappresentazione, ma concede poco alle riflessioni generali e al corredo dei sentimenti e dei pensieri dei personaggi.
 
La scrittura rimane comunque incisiva e carica di tensione.

Acquista il libro

Dino Sodde

Nato a Ilbono. Giovanissimo
emigrò a Torino dove ebbe una
formazione culturale e
professionale.
E’ stato direttore di vari Istituti
Professionali.
Sostiene che lo scrivere sia un
dono speciale che aiuta a vivere
meglio. Ci si ammala di meno,
rende più creativi e rafforza la
volontà di dedicarsi alle cause di interesse universale.
E’ autore di cinque libri, di cui
un calendario scientifico e un
saggio.